Presa de posizione - Comunicato

La traduzione in italiano è fatta da un compagno "non italiano". Per qualsiasi confusione o errore, si prega di fare riferimento alle pagine inglese e francese.

AccueilVersion imprimable de cet article Version imprimable

Contro la guerra imperialista, per la guerra di classe - Appello internazionalista della Tendenza Comunista Internazionalista

(10 aprile 2022)

Ci uniamo all’appello dei compagni della Tendenza Comunista Internazionalista affinché i rivoluzionari fedeli all’internazionalismo proletario formino "comitati ‘No War but the Class War’’ [nessuna guerra se non la guerra di classe]. Non aderiamo a questa iniziativa in nome di qualche astratto principio internazionalista valido in ogni momento e in ogni occasione. Ma perché questo appello, di cui condividiamo ogni punto, quasi ogni frase, è inteso come una prima risposta alla minaccia di "una guerra più generalizzata come non si vedeva dal 1945". Se alcuni potevano dubitare fino ad allora che il capitalismo in crisi potesse offrire all’umanità, ineluttabilmente, solo l’alternativa della rivoluzione proletaria mondiale o della guerra imperialista generalizzata, la guerra in Ucraina ha reso questa prospettiva così concreta e attuale.

Come dice la TCI, questo appello a formare comitati ’’ ’No War but the Class War’ è un’iniziativa internazionale ma non è L’Internazionale". Le condizioni per questa sono ben lungi dall’essere soddisfatte oggi. Allo stesso modo, qualsiasi conferenza internazionalista di tipo Zimmerwald durante la prima guerra mondiale sarebbe in gran parte prematura a causa dello stato, non tanto della situazione storica in sé, ma dello stato, in particolare di dispersione e divisione, delle forze internazionaliste – se non altro perché una parte di esse rifiuta ogni prospettiva di una terza guerra mondiale, facendo così dell’internazionalismo proletario un principio astratto e autonomo che può portare solo, nel migliore dei casi, al pacifismo che l’appello della TCI giustamente rifiuta.

Per il momento, e data la realtà limitata delle lotte proletarie e lo stato del campo rivoluzionario, si tratta di permettere "alle minoranze rivoluzionarie oggi sparse di unire le loro forze e portare a settori più vasti della classe lavoratrice il messaggio della nostra necessità di lottare". L’obiettivo è più modesto ma corrisponde perfettamente alla situazione attuale e alle sue possibilità. Nei limiti dei nostri mezzi, lo facciamo nostro.

Il Gruppo internazionale de la Sinistra comunista, 10 aprile 2022

Non c’è altra guerra che la guerra di classe – Un appello all’azione (TCI, 7 aprile 2022)

aprile 2022

1) L’invasione russa dell’Ucraina non è un atto isolato. È l’inizio di un nuovo periodo di competizione imperialista che minaccia una guerra più generalizzata come non si vedeva dal 1945.

2) Nessun paese oggi è fuori dal sistema capitalista. L’intensificazione della rivalità imperialista è un prodotto della crisi economica ancora irrisolta del capitalismo, che è ormai vecchia di decenni. In questo periodo il capitalismo è stato costretto a ricorrere a molti espedienti per gestire una crisi economica causata dalla caduta del tasso di profitto. Ciò che questo ha portato alla classe operaia mondiale è uno sfruttamento più intenso, una maggiore precarietà del lavoro e un continuo declino della quota di ricchezza prodotta dai lavoratori che va ai lavoratori stessi. Non solo questo sistema sta portando alla guerra, ma la sua insaziabile ricerca del profitto sta portando alla distruzione del pianeta.

3) Ma la globalizzazione, la finanziarizzazione e il cosiddetto neoliberismo, tutte risposte alla caduta del tasso di profitto, sono finite nello scoppio drammatico della bolla speculativa globale nel 2008. Hanno solo prolungato la crisi - non l’hanno risolta. Le contraddizioni del sistema stanno montando e nessuno stato ne è immune.

4) Una delle contraddizioni più evidenti è che l’Occidente ha trasferito gli investimenti alle economie a basso salario negli anni ’80. Il più grande beneficiario è stata la Cina, che ha costruito la sua economia attraverso lo sfruttamento massiccio della sua forza lavoro a basso salario per fornire materie prime a basso costo, che hanno attutito la pressione sui redditi in calo dei lavoratori occidentali. Questo accogliente accordo per il capitalismo mondiale, però, ha cominciato a crollare non appena l’ascesa economica della Cina ha iniziato a competere con gli Stati Uniti in tutto il pianeta. Un matrimonio di convenienza economica è finito sugli scogli ed è diventato più trasparente dopo lo scoppio della bolla speculativa nel 2008, intensificando così le contraddizioni già esistenti del sistema.

5) Lo scoppio di quella bolla avrebbe portato a una crisi capitalista globale che non si vedeva dal 1929, se gli stati non fossero intervenuti per assorbire i debiti del sistema finanziario. Ma il quantitative easing non ha risolto la crisi globale, nemmeno l’intensificazione dello sfruttamento a livelli disumani. Ciò che il capitalismo richiede è una svalutazione massiccia del capitale che vada oltre la cancellazione di capitali esistenti e questo richiede una guerra generalizzata. Questa spinta verso una guerra generalizzata sta prendendo slancio da un po’ di tempo. Con sempre meno opzioni a disposizione dei leader del mondo, c’è sempre meno spazio per il compromesso rispetto a quelli che sono gli ’interessi nazionali’. Più diventano disperati, più è probabile che usino armi di distruzione di massa che minacciano il futuro dell’umanità (in un ordine di tempo ancora più breve della minaccia molto reale posta dal cambiamento climatico). Infatti la minaccia della guerra globale è legata alla catastrofe ambientale che è già in atto, come risultato dell’accelerazione dell’esaurimento delle risorse naturali e della distruzione dell’ambiente da parte di un sistema sempre più in crisi.

6) L’unica forza capace di prevenire questa catastrofe, e la guerra in generale, è la classe lavoratrice, la cui forza collettiva può prima paralizzare lo sforzo bellico, poi rovesciare l’ordine capitalista. I lavoratori salariati di tutto il mondo condividono una posizione materiale comune come creatori della ricchezza mondiale che finisce nelle mani dei loro sfruttatori. Come tali, non hanno nessun paese e nessun interesse nazionale da difendere. Solo loro sono in grado di creare una nuova società senza classi in cui non ci sono stati, dove la produzione è cooperativa e progettata per soddisfare i bisogni di tutti e non i profitti di pochi. Così esistono le condizioni per una comunità mondiale di produttori liberamente associati, dove le persone danno quello che possono e prendono solo quello di cui hanno bisogno.

7) Per raggiungere questo obiettivo la classe operaia deve organizzarsi, o forse riorganizzarsi. Nella lotta quotidiana contro i tagli salariali ecc. i lavoratori saranno costretti a formare comitati di sciopero, eletti e revocabili da tutti i lavoratori, per unire la loro lotta. Ma questo da solo non fermerà gli attacchi dei capitalisti. Lotte separate in un settore o in un posto di lavoro sono facilmente affrontabili dai padroni e dai loro complici sindacali. Qualsiasi comitato di sciopero deve unirsi in un più ampio movimento di classe che può iniziare il processo di superamento dello stato esistente,

8) È inevitabile che in questo processo alcuni lavoratori arrivino a riconoscere il vicolo cieco dell’esistenza capitalista prima di altri. È imperativo che i primi si organizzino politicamente a livello internazionale per offrire una chiara via d’uscita. Questo non avverrà immediatamente, specialmente non dopo decenni di declino delle lotte operaie di fronte all’assalto capitalista. Tuttavia, la situazione di oggi in Ucraina è un avvertimento di ciò che i governi hanno in serbo per i lavoratori ovunque e dobbiamo rispondere, non solo allo sfruttamento quotidiano, ma ai piani politici dei ’nostri’ leader.

9) Nell’attuale situazione di disastro umanitario non ci illudiamo che un movimento di classe possa sorgere presto, anche se la storia ha ormai preso una nuova e disperata piega. Dobbiamo costruire insieme qualcosa che si opponga sia allo sfruttamento che alla guerra. Anche se l’attuale crisi in Ucraina finirà in qualche accordo rabberciato, questo non farà altro che gettare i semi per il prossimo round del conflitto imperialista. L’invasione dell’Ucraina ha già gettato la Russia nelle braccia della Cina e ha stretto la NATO e l’UE intorno agli USA e ai suoi obiettivi.

10) Capitalismo significa guerra ed è il capitalismo che deve essere fermato. Proponiamo quindi di istituire ovunque siamo presenti comitati ’No War but the Class War’ e di invitare a parteciparvi individui e gruppi che si oppongono a tutti i nazionalismi e riconoscono che l’unica guerra che vale la pena di combattere è la guerra di classe per porre fine al capitalismo e ai suoi sanguinosi conflitti imperialisti. Questo permetterà alle minoranze rivoluzionarie oggi sparse di unire le loro forze e portare a settori più vasti della classe lavoratrice il messaggio della nostra necessità di lottare.

11) No War but the Class War’ è un’iniziativa internazionale ma non è L’Internazionale. Questo avverrà solo quando la lotta di classe si svilupperà in un movimento politico che potrà rovesciare l’ordine capitalista globale. Tuttavia, offre una bussola politica per i rivoluzionari di diversa provenienza che rifiutano tutte le politiche socialdemocratiche, trotskyste e staliniste che chiedono di schierarsi apertamente con l’uno o l’altro imperialismo, ritenendo che l’uno o l’altro siano un ’male minore’ e che dovrebbe essere sostenuto. O che rifiutano di appoggiare il pacifismo che non accetta la necessità di trasformare la guerra imperialista in una guerra di classe, confondendo e disarmando così la classe operaia dall’intraprendere la propria lotta.

12) Infine, dobbiamo sottolineare che questo non è un appello al pacifismo, il quale è fondamentalmente solo una richiesta di tornare alla ’normalità’. Il problema riguarda la ’normalità’ - è il sistema capitalista stesso che genera le forze che portano alla guerra. Essere contro la guerra senza chiedere la fine del capitalismo è come pretendere, senza rovesciare il sistema di sfruttamento, che il capitale non produca profitti, quando lo sfruttamento è la condizione necessaria per l’esistenza del profitto.

Se questi punti sono un’ampia sintesi della vostra posizione, ci piacerebbe avere vostre notizie.

Compagni/e della Tendenza Comunista Internazionalista

Accueil