Presa de posizione - Comunicato

I seguenti testi sono tradotti in italiano da un compagno simpatizzante che non è membro dal GISC. Confidiamo nella sua capacità politica di comprendere e tradurre le nostre posizioni. Tuttavia, se un lettore ha dubbi sul contenuto politico di questi testi, gli chiediamo di fare riferimento alle versioni inglese e francese.
Il Gruppo Internazionale della Sinistra Comunista

AccueilVersion imprimable de cet article Version imprimable

Coronarivus e crisi catastrofica: la tragica responsabilità dei comunisti (19 marzo 2020)

"Il Coronavirus chiede un pensiero economico in tempo di guerra" ( The New Yorker , 16 marzo 2020 [ 1 ] ). "Siamo in guerra" (Presidente francese Macron, 16 marzo). "Lo guardo. Lo vedo come, in un certo senso, un presidente di guerra. Voglio dire, è quello che stiamo combattendo. È una situazione molto difficile" (Trump, 18 marzo).

La rottura è storica e brutale . Oltre alle vittime della pandemia e della tragedia sanitaria, la recessione è improvvisa e profonda. Interi settori, spesso essenziali, della produzione mondiale sono paralizzati. A un punto morto. Il conto sarà esorbitante. Vedremo in seguito come il capitalismo fa pagare il proletariato mondiale per questo. Nel frattempo, è stata dichiarata la guerra contro il virus. La polizia e l’esercito sono gli unici vaccini, contenimento e coprifuoco, contro il coronavirus che il capitalismo è stato in grado di trovare.

Lo stesso vale per la crisi. "Non si può pensare in termini normali. Questo è più simile a una crisi in guerra che a una normale situazione economica" (Ian Shepherdson, il fondatore di Pantheon Macroeconomics citato da The New Yorker nell’articolo sopra). Il calo generale della produzione aggraverà le rivalità commerciali e imperialiste come mai prima d’ora. Nell’affondamento del capitalismo mondiale, la lotta disperata di ogni capitale nazionale per salire a bordo delle poche scialuppe di salvataggio sarà selvaggia, feroce e violenta.

Al fine di ottenere l’accesso alle poche scialuppe di salvataggio ed escludere le altre, alcuni parlano di "riorientare l’economia" - in opposizione ai cosiddetti eccessi liberali della globalizzazione - intorno a ciascuno stato nazionale, anche se ciò significa, dichiarano tutti oggi in panico, nazionalizzazione di alcuni settori indispensabili alla difesa del capitale nazionale. Altri distinguono tra essenziale e non essenzialemerci, la prima da conservare, la seconda da abbandonare. Perché la crisi distruggerà intere sezioni dell’apparato di produzione nazionale. Vale per i settori economici più deboli come le persone più deboli di fronte al coronavirus. I servizi sanitari stanno pensando ai criteri da utilizzare per scegliere tra coloro che saranno salvati - a causa della mancanza di personale, letti e ventilatori - e coloro che saranno rimandati a morire a casa o in strada. Lo stesso si applicherà presto ai settori più deboli dell’economia, che sono ammalati dalla crisi. Lo stato, il rappresentante supremo di ogni capitale nazionale, deciderà quali settori devono essere tutelati a tutti i costi e quali devono essere sacrificati o lasciati morire. Il criterio essenziale non sarà di un ordine economico ma di un ordine politico e imperialista:beni essenziali che ogni stato cercherà di preservare a tutti i costi. Perché dietro la crisi e le tensioni imperialiste, la guerra imperialista generalizzata si profila sempre di più. La risposta militarizzata alla pandemia di coronavirus ne è un esempio, un momento e un acceleratore particolari. Il processo, si potrebbe quasi dire che il meccanismo, determinato dalle contraddizioni del capitale, porta inevitabilmente a una guerra imperialista generalizzata se il primo non viene distrutto e superato.

Con lo scoppio della pandemia, la crisi capitalista e la guerra imperialista si coniugano nel presente. Il rapporto dinamico tra i due ora obbliga ogni borghesia a imporre miseria assoluta, con la scomparsa di beni "non essenziali" e la disciplina altrettanto assoluta nei luoghi di lavoro e nelle strade per la produzione di "beni essenziali" a difesa del capitale nazionale. La marcia verso la guerra imperialista richiede che la borghesia provochi uno scontro generalizzato contro il proletariato in tutti i paesi. Il coronavirus e la crisi che provoca non lasciano spazio a dubbi: è giunto il momento di scontri massicci, violenti, drammatici e internazionali tra le classi. Il loro risultato risolverà in un modo o nell’altro l’alternativa della rivoluzione o della guerra.

La tempesta è di proporzioni senza precedenti e i comunisti ora sono solo un filo di paglia, in pericolo di essere spazzati via e ulteriormente dispersi dal tumulto. Una delle tragedie del dramma storico che si sta svolgendo è probabilmente, poiché l’irresponsabilità e l’incoerenza delle forze comuniste, l’assenza di un efficace Partito comunista mondiale nello stesso confronto che sta iniziando. C’è ancora tempo per le principali forze cosiddette "partitiche", che combattono risolutamente per la costituzione del partito, per raggiungere l’apice delle loro responsabilità e lavorare di conseguenza, rapidamente e concretamente, per spianare la strada al consolidamento internazionale attorno allo storico posizioni della sinistra comunista e dei suoi gruppi principali. Dipende da loro, in primo luogo per la Tendenza Comunista Internazionalista,

Il GISC (IGCL), 19 marzo 2020.

1 ] Il Coronavirus chiede un pensiero economico in tempo di guerra ’( https://www.newyorker.com/news/our-columnists/the-coronavirus-calls-for-wartime-economic-thinking ).

Accueil